Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

LE RECREATION DI GERMANO REGGIANI – DIABOLIK – “IL RE DEL TERRORE”

La Recreation di oggi è dedicata al personaggio noir più famoso e celebrato d’Italia che ha appena tagliato il prestigioso traguardo dei sessant’anni di ininterrotta permanenza in edicola senza mostrare alcun cenno di stanchezza: Il Re del terrore.

Meglio di lui hanno finora fatto solo un certo Tex Willer, apparso però ben 14 anni prima, il 30 Settembre 1948 con una striscia di 36 pagine intitolata “Il totem misterioso”, ed il signor Patrick Wilding che esordì nelle edicole il 15 Giugno 1961 con l’albetto a striscia dal titolo “La foresta degli agguati”.

Per cui, se una tal longevità persiste, soprattutto rispetto ai suoi epigoni storici che ormai da tempo hanno chiuso i battenti, un motivo dovrà pur esserci.

Così, abbiamo pensato di invitare chi fra di voi avrà piacere di esprimersi, ad intervenire nei commenti, fornendo a riguardo la propria chiave di lettura, con l’intento di stimolare un interessante confronto animato da toni cordiali e spirito ludico.

Un grazie anticipato quindi per ogni singolo commento, che riterremo assolutamente prezioso.

Diabolik esordì sul palcoscenico del fumetto italiano il primo Novembre 1962, pubblicato dalla Casa Editrice Astorina, fondata per l’occasione da Angela Giussani come costola interna dell’editrice Astoria di proprietà del marito Gino Sansoni.

Il primo episodio dal celeberrimo titolo “Il Re del terrore”, disegnato dal misterioso Angelo Zarcone su testi di Angela Giussani, venne pubblicato con un formato lievemente ridotto rispetto a tutti gli albi successivi (11,5 x 16,6 cm. anziché il classico 12 x 17) e con l’insolita periodicità trimestrale, caratteristica quest’ultima, che perse già a partire dal terzo numero.

Copertina del primo numero di Diabolik “Il Re del terrore” realizzata da Brenno Fiumali.
Casa Editrice Astorina – 1° Novembre 1962Prima edizione con distribuzione Ingoglia.
(Immagine reperita sul sito di “Cronaca di Topolinia”
a garanzia dell’originalità dell’albo presentato)

Inquadratura di copertina e costina del primo numero di Diabolik “Il Re del terrore”
Casa Editrice Astorina – 1° Novembre 1962Prima edizione con distribuzione Ingoglia.
(Immagine reperita sul sito “Valutazione Fumetti”
a garanzia dell’originalità dell’albo presentato)

Ultima pagina con indice e crediti posizionata al fondo dell’albo.
Prima edizione con distribuzione Ingoglia, in cui si legge l’insolita periodicità
trimestrale, la data di pubblicazione, e il nome del distributore.

(Immagine reperita sul sito “Valutazione Fumetti”
a garanzia dell’originalità dell’albo presentato)

Quarta di copertina del primo storico numero di Diabolik “Il Re del terrore”
Casa Editrice Astorina – 1° Novembre 1962Prima edizione con distribuzione Ingoglia.
(Immagine reperita sul sito “Valutazione Fumetti”

a garanzia dell’originalità dell’albo presentato)

In questo primo albo la numerazione delle pagine è assente, mentre sono numerate le tavole originali; tutte ad eccezione della prima.

Manca inoltre la pagina introduttiva invece presente in tutti i numeri successivi.

Pagina d’apertura dell’albo “Il Re del terrore” – Casa Editrice Astorina – 1° Novembre 1962.
Prima edizione con distribuzione Ingoglia in cui si nota l’assenza della
numerazione della tavola, presente invece su tutte le successive.
(Immagine reperita sul sito “Valutazione Fumetti”
a garanzia dell’originalità dell’albo presentato)

La storica ed iconica copertina fu opera di Brenno Fiumali, disegnatore, inchiostratore e soprattutto “Art Director” della testata, a partire dal 1975 e fino al 2006, anno della sua scomparsa.

Tavola originale realizzata da Brenno Fiumali della mitica copertina del numero uno,
impaginata con il logo della testata, titolo dell’albo e tondino del prezzo.
Il logo della testata verrà poi alzato di qualche millimetro in sede di stampa definitiva.

Feci la personale conoscenza di Diabolik poco prima di Kriminal e Satanik, ma in un’età in cui quel genere di lettura era assolutamente fuori discussione.

Ricordo ancora con piacere ed estrema nostalgia quando avvenne l’incontro.

Durante una visita domenicale ad un mio zio paterno, vidi poggiato su un mobile del soggiorno l’albo tascabile con la copertina del mitico numero uno, sicuramente retaggio dei miei cugini più grandi.

Non rammento assolutamente se si trattasse dell’originale o fosse una delle svariate ristampe.

Eravamo nei primi anni settanta e in pochi badavano a dettagli che avrebbero fatto un’enorme differenza alcuni anni dopo.

Copertina della ristampa del primo numero “Il Re del terrore”
ridisegnato completamente per l’occasione da Luigi Marchesi.
Casa Editrice Astorina – 1964 – Distribuzione SODIP

Inquadratura di copertina e costina della ristampa del primo numero “Il Re del terrore”
Casa Editrice Astorina – 1964 – Distribuzione SODIP

Seconda di copertina con sommario e crediti, e la pagina introduttiva
(Splash Page) assente nella prima edizione.
Casa Editrice Astorina – 1964 – Distribuzione SODIP

Ricordo invece con estrema lucidità l’impatto emotivo di quella copertina.

Lo sfogliai avidamente quasi senza leggerlo alla ricerca della lugubre figura con la tuta nera e, come credo accadde a molti, rimasi fortemente impressionato da una delle ultime vignette: l’agghiacciante sguardo dello spaventapasseri!

La celebre tavola 105 in cui Diabolik, camuffato da spaventapasseri e ferito dal colpo
di pistola sparato dall’ispettore Ginko, produce l’agghiacciante sguardo.

Per molti anni con Diabolik non ebbi altri contatti, fino alle superiori.

Non saprei spiegarne il motivo, semplicemente non capitò.

Così, per far parziale ammenda, eccovi la mia Recreation della copertina del mitico numero uno, “Il Re del terrore” disegnata originariamente dal grande Brenno Fiumali.

Recreation realizzata da Germano Reggiani della copertina
del primo numero di Diabolik “Il Re del terrore”
edito dall’Editrice Astorina il 1° Novembre 1962.

Un caro saluto a tutti, e appuntamento all’articolo di mercoledì prossimo dove vi attende l’Arte di un grande Maestro della pittura!!!

Germano Reggiani

Pubblicità

11 risposte a “LE RECREATION DI GERMANO REGGIANI – DIABOLIK – “IL RE DEL TERRORE””

  1. Avatar Franco Bochicchio
    Franco Bochicchio

    Per la mia warm lettura serale….grazie….

    Piace a 1 persona

    1. Grazie a te Franco! È proprio l’ideale per prendersi un po’ di tempo per se stessi…

      "Mi piace"

  2. Buongiorno Germano,
    Per me la longevità di Diabolik si fonda su due punti salienti:
    1) la semplicità della sua tuta, più credibile per la sola fortuna di essere arrivato primo; i suoi epigoni si sono poi presentati con costumi improponibili per poter durare a lungo, salvo Kriminal che comunque è arrivata a dieci anni;
    2) il tocco di femminilità delle sorelle Giussani ha dato vita ad un personaggio mascolino ma non troppo, più abile e astuto piuttosto che sciupafemmine e forzuto, con una complice poi che si è fin da subito (salvo poi una breve pausa) dimostrata pari a lui.
    Un saluti a tutti.
    Giovanni

    Piace a 1 persona

    1. Grazie per aver condiviso la tua opinione, Giovanni! Ti invitiamo a seguirci ancora 😃

      "Mi piace"

  3. Sempre i miei complimenti, stupenda la tua recreation del numero uno 👏

    Piace a 1 persona

    1. Ti ringrazio molto! Cerchiamo sempre di offrire il meglio del mondo dei fumetti 😃

      "Mi piace"

    2. Buongiorno Roberto e come sempre grazie per il tuo gradito apprezzamento! La cover del numero uno di Diabolik è ormai storica visto i 60 anni del fumetto!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: